F.A.Q. - Studio-IT Sicurezza & Formazione

Vai ai contenuti

Menu principale:

F.A.Q.

DOMANDE FREQUENTI

Di seguito una serie di Domande e Risposte Frequenti, per chiarire facilmente se si è soggetti alla Normativa di Sicurezza sui Luoghi di Lavoro e in quali termini!

Cosa devo fare all'assunzione di un lavoratore?
Devi:
  • Redigere il documento di valutazione dei rischi (DVR).
  • Nominare un responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP
(Ricordati che anche le società con due sole persone devono adempiere alle normative sulla sicurezza sul lavoro)

In imprese con oltre cinque lavoratori, il Datore di Lavoro deve designare dei lavoratori per l’adempimento dei compiti di primo soccorso, di prevenzione incendi e di evacuazione o può svolgerli direttamente?
Con il D.lgs. 151/15 viene abrogato il comma 1-bis dell'art. 34 del D.lgs. 81/08 e viene modificato il comma 2 bis dello stesso articolo. Con queste modifiche nelle aziende artigiane e industriali fino a 30 lavoratori, in quelle agricole e zootecniche fino a 30 lavoratori, nelle aziende della pesca fino a 20 lavoratori, e nelle altre aziende fino a 200 lavoratori (fatti salvi i casi di cui all'articolo 31, comma 6 del D.Lgs 81/08), il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti di primo soccorso, di prevenzione incendi e di evacuazione.
Cosa succede se non si provvede a quanto previsto dalla Normativa di Sicurezza?
Nel  caso in cui gli enti preposti (SPISAL - Forze dell'Ordine - Vigili del Fuoco - ASL) facciano una visita ispettiva  alla tua azienda e tu non sia in regola con gli adempimenti di cui  sopra, ti sarà verbalizzato il reato e sarà data notizia in procura.
Il mancato rispetto di queste procedure è punibile con:
  • Arresto da 2 a 6 mesi.
  • Ammenda da 2.000 a 8.000 euro.

Come devo procedere se ho già dipendenti, collaboratori e stagisti ma non ho mai fatto niente riguardo la sicurezza sul lavoro?
  • Valutare tutti i rischi per la Salute e la Sicurezza a cui i lavoratori possono essere esposti e redigere il documento di valutazione dei rischi (DVR).
  • Nominare un responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP).
  • Adempiere alle norme riportate sul D. Lgs. 81/08 (che varia in funzione alla tipologia di azienda).

E’ obbligatorio nominare il medico competente?
Si, nei casi previsti dalla legge, come ad esempio quando:
  • Il lavoratore sta più di 20 ore settimanali al PC.
  • Il lavoratore presta la sua opera nei cantieri fissi e mobili.
  • Il lavoratore è a contatto con sostanze chimiche pericolose.

In caso di lavori di terzi presso la mia azienda o lavori della mia azienda presso altre sedi, chi deve valutare il rischio?
Nei lavori eseguiti all’interno dell’azienda si forniscono alle ditte  appaltatrici o ai lavoratori autonomi, dettagliate informazioni sui  rischi specifici esistenti nell’ambiente oggetto dell’intervento e delle  misure di prevenzione e protezione adottate in relazione alla propria  attività. La ditta appaltante promuoverà il coordinamento delle misure  di prevenzione e protezione, al fine di evitare i rischi di esposizione  dovuti alle interferenze tra le attività delle diverse imprese e i  lavoratori autonomi coinvolti nell’esecuzione dell’opera complessiva.  Dovranno essere fornite indicazioni circa:
• la distribuzione delle  linee elettriche;
• le aree con pericolo di esplosione o incendio e la  collocazione dei mezzi di estinzione e delle vie di esodo;
• il piano di  emergenza adottato dall’azienda appaltante;
• le macchine ed  attrezzature in genere che possono presentare un pericolo per la  sicurezza e la salute;
• i luoghi dove è possibile l’esposizione agli  agenti chimici, fisici e biologici;
• la tipologia dei solai e delle  coperture;
• le misure di prevenzione e protezione adottate normalmente  nelle zone di intervento.

Cos'è una Scheda Tecnica o Scheda di Sicurezza?
La  scheda tecnica di un prodotto è il documento in cui è spiegato: cosa  contiene, caratteristiche delle sostanze presenti, possibili effetti  tossici, precauzioni da prendere. E' importante per conoscere i rischi  che possono derivare dall'uso dei prodotti.

Cosa si intende per formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti?
La  formazione è un atto dovuto nei confronti di tutti i lavoratori  dipendenti.
Il Datore di Lavoro, in quanto tale, è anche datore di  sicurezza e lo stesso criterio è esteso a dirigenti e preposti.
Nel  momento in cui si affida un compito ad un lavoratore, si è tenuti a  spiegare come farlo in modo sicuro.
Esistono vari sistemi di formazione,  tra cui formazione a distanza e formazione mediante formatori interni  all’azienda. Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore,  tramite la frequentazione di corsi obbligatori, riceva una formazione  sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche rispetto  alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento a: concetti  di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della  prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali,  organi di vigilanza, controllo, assistenza; rischi riferiti alle  mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di  prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di  appartenenza dell’azienda.
La durata, i contenuti minimi e le modalità  della formazione sono definiti mediante accordo in sede di Conferenza  permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province  autonome di Trento e di Bolzano adottato, previa consultazione delle  parti sociali, entro il termine di dodici mesi dalla data di entrata in  vigore del presente decreto legislativo.
La formazione e, ove previsto,  l’addestramento specifico devono avvenire in occasione:
a) della  costituzione del rapporto di lavoro o dell’inizio dell’utilizzazione  qualora si tratti di somministrazione di lavoro;
b) del trasferimento o  cambiamento di mansioni;
c) della introduzione di nuove attrezzature di  lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi.  
L’addestramento viene effettuato da persona esperta e sul luogo di  lavoro.
La formazione dei lavoratori, dirigenti e preposti deve essere aggiornata con cadenza quinquiennale, quella dei loro rappresentanti ogni anno.



Studio-IT, via V. Bachelet, 14 - 35010 Busa di Vigonza (PD) Tel. +39 347 5555929 Fax. +39 049 7962527
Mail. info@studio-it.org ___________ PEC. postmaster@pec.studio-it.org ___________ P.I. 04359290287
Torna ai contenuti | Torna al menu