Come organizzare in modo sicuro gli ambienti di casa - BLOG - Sicurezza sul Lavoro e Formazione
Vai ai contenuti
Come organizzare in modo sicuro gli ambienti di casa
Sicurezza sul Lavoro e Formazione
Infortuni in casa: i grandi esclusi.
Secondo i dati Istat, relativi al 2016, 1 italiano su 10 ne è vittima e possiamo affermare con certezza che l’incidenza del rischio è legata direttamente alla quantità di tempo trascorsa in casa.
Durante il 2020 possiamo presupporre che questo fenomeno  sia stato, con molta probabilità, in crescita. (Dal lockdown forzato, allo smart-working, il tempo passato in casa ha subito un aumento esponenziale).
Eppure questo argomento non viene mai considerato con la dovuta attenzione.
In fondo, se ci si pensa, si è lottato tanto nel tempo per ottenere maggiori condizioni di lavoro.  Esiste la valutazione rischi, esiste la formazione specifica per ogni settore e categoria.
Si è investito in numerose campagne anche per la sicurezza stradale.
Per vivere nelle nostre abitazioni?
Beh, la casa è il nostro nido sicuro.  
Qui sembra finire la questione, anche se la cronaca parla in modo differente.

Per noi la questione è invece spalancata!
In questo articolo vogliamo portare gli elementi che potranno fare di casa vostra un luogo sicuro, sulla carta e nei fatti.

Quali sono gli incidenti più frequenti?
Cadute, ferite, ingestione di corpi estranei, soffocamento, avvelenamenti e intossicazioni alimentari o da sostanze chimiche, con cui si viene in contatto in modo accidentale (detersivi disinfettanti, etc).
Per capire come prevenirli è necessario valutare i rischi, analizzando i singoli ambienti o le situazioni specifiche, ricordando sempre di prestare attenzione ai nostri comportamenti.

 
Con quali elementi possiamo affrontarli?
- VALUTAZIONE DEI RISCHI  
- PRESTARE ATTENZIONE AI PROPRI COMPORTAMENTI
- ORGANIZZARE GLI AMBIENTI DI CASA

 
In questo articolo affronteremo :
Le regole base da adottare per rendere sicura la propria casa.
- suggerite dal Ministero della Salute -
(Può essere tranquillamente usata come guida su come scegliere una casa)

1. Spazi sufficientemente ampi.
Non parliamo di metrature ideali, ma dello spazio necessario alle manovre in un determinato ambiente. Si potrebbe dire più  semplicemente: fate in modo che i vostri ambienti siano liberi da ostacoli, per non creare barriere per il libero movimento, nel modo più agevole possibile.
Progettare ogni stanza tenendo conto dello spazio necessario per compiere le funzioni a cui sono adibiti.  
Come?
- evitare di posizionare ostacoli tra fornelli in modo da non doverli  affrontare in situazioni potenzialmente pericolose, come trasportare una pentola bollente dal fornello al lavello.
- calcolare le distanze necessarie tra i sanitari del bagno, per non fare inutili gincane per muoversi tra lavandino e vasca da bagno.
- attenzione al piatto doccia, sceglierlo in modo che non sia un gradino da scavalcare.
Ricordiamo che gli ostacoli sono i precursori delle cadute, uno tra gli incidenti più comuni nelle abitazioni.

 
2. Superfici e pavimenti.
Nel progettarli è importante che questi non presentino irregolarità, dislivelli o fughe in rilievo.
Sconsigliate le cere, che potrebbero rendere i pavimenti sicuramente belli e lucidi… ma anche pericolosamente scivolosi!

 
3. Scale
- rispettare le regole di pedata e alzata
- fornire ringhiere e parapetto eliminando, quanto più possibile, elementi sui quali i bambini possano arrampicarsi.
- applicare una striscia antiscivolo sul bordo di ogni gradino  questa finezza è applicata in negli edifici pubblici, nei centri commerciali, ma raramente la si trova nelle case, (forse sacrificata per motivi estetici).
L’alternativa potrebbe essere la scelta di pavimentazioni antisdrucciolo per scale e dislivelli.
- installare un cancelletto che impedisca l’accesso alle scale (all’inizio e alla fine), in caso di presenza di bambini moto piccoli.

 
4. Arredamento
Spesso per quanto riguarda la scelta del mobilio, si privilegia l’estetica alla praticità e funzionalità,
soprattutto se questo riguarda “solo” un po' di sicurezza in più.
(in realtà siamo convinti che al giorno d’oggi sia molto facile trovare il giusto compromesso)
- evitare spigoli aguzzi a vista: se ci sono si possono applicare paraspigoli o protezioni adeguate, soprattutto in presenza di bambini piccoli.
- altezza letti: evitarli troppo alti  o troppo bassi, privilegiando le sponde imbottite.
Questo accorgimento non solo eviterà infortuni accidentali, come le cadute (sia per bambini che anziani), ma eviterà nel tempo fastidiosi mal di schiena, soprattutto per gli adulti con qualche anno di più ;)
- tappeti: usare reti antisdrucciolo, non sottovalutate il loro potere di scivolamento su un bel pavimento tirato a lucido. Questa tecnica permette di avere tappeti ben fermi, senza togliere nulla all’estetica… in quanto completamente invisibili.
- interruttori della luce: posizionarli vicino all’accesso delle stanze, così da non dover camminare a tentoni nella notte alla loro disperata ricerca.
Nb: l’illuminazione deve anche essere adeguata agli spazi per fornire luce sufficiente.
- mobili pesanti: fissarli bene alle pareti, meglio un piccolo foro in più al muro che uno scaffale, che ci cade addosso, portandosi magari il peso di decine o centinaia di libri. (il peso della cultura...)
- balconi a prova di bambino: eliminare da balconi e da zone adiacenti alle finestre sedie, tavoli e tutto ciò potrebbe essere “scalato” e fungere da trampolino per voli tutt’altro che pindarici.

 
5. Piante
Che siano in casa oppure in giardino sono sempre uno splendido contributo al decoro della casa, ma necessitano di piccoli accorgimenti:
- sceglierle in modo che non siano tossiche se ingerite e masticate da bambini oppure dagli animali
- evitare l’uso dei diserbanti o fertilizzanti composti da sostanze tossiche, esistono soluzioni alternative e più sicure. Scegliamole.

 
6. Medicinali e prodotti chimici
Lasciarli lontano dalla portata dei bambini, magari in ripiani molto alti che disincentivino il loro raggiungimento o in mobiletti dotati di chiusura mediate chiave o lucchetto.  
Esistono anche dei piccoli elementi che si applicano alle maniglie degli sportelli che impediscono la loro apertura da parte dei più piccoli.

 
7. Impianto elettrico
Deve essere a norma e sottoposto a controllo periodico.
Non fatevi incantare da ristrutturazioni che fanno apparire le case splendide e splendenti: fate effettuare sempre un controllo. Meglio scoprire per tempo un eventuale non conformità grazie all’intervento di un tecnico, piuttosto che venirne a conoscenza in modo più folgorante… o magari dopo aver speso molto denaro per rendere le abitazioni esteticamente gradevoli!

 
Questi sono gli elementi che a nostro avviso, e anche secondo il Ministero della Salute, garantiscono la base sula quale possiamo rendere davvero sicura la nostra casa.
Partendo da questi generali consigli è necessario capire poi, caso per caso, quali possono essere le situazioni a rischio da affrontare di volta in volta, non dimenticando mai un elemento imprescindibile: la nostra attenzione, sempre e comunque.
(NB: alcune di queste note potranno sembrarvi banali e scontate, ma  purtroppo è  abitudine sottovalutarle, e questo è causa di molti incidenti!)

 
Nel prossimo articolo parleremo di uno dei rischi che si nascondono tra le nostre 4 mura: il rischio incendio, che non si limita solo alla cucina!


Studio-IT Srls - Via V. Bachelet, 14 - 35010 Vigonza (PD) - T. +39 373 7783585 - mail. informazioni@studio-it.org P.I. IT05099940289
Torna ai contenuti